Il bite ortodontico, o placca occlusale, è uno strumento molto usato nei casi in cui si rendano evidenti alcuni problemi posturali derivanti da una cattiva situazione a livello di apparato stomatognatologico.

Viene in genere realizzato in resina acrilica e si presenta come una mascherina che riproduce la posizione dei denti adeguata per una masticazione ideale.

Il bite viene applicato sull’arcata dentale superiore o inferiore, o su entrambe. La durata di tempo dell’applicazione varia a seconda delle diverse situazioni e deve essere decisa insieme al proprio dentista.

Il bite ortodonticoI bite possono essere usati anche in casi di russamento e bruxismo (ovvero la tendenza a digrignare i denti involontariamente, soprattutto durante la notte).

Esistono diverse tipologie di bite, da quelli acquistabili in farmacia a quelli formati e costruiti direttamente dal dentista. Sicuramente vi sono differenze sui costi, ma anche sui risultati che si possono ottenere.

Soprattutto nelle situazioni in cui a un'occlusione irregolare si accompagnano dolori cervicali o problemi di postura, è sempre meglio affidarsi a un apparecchio elaborato appositamente per le caratteristiche della bocca del paziente.

Anche i casi di bruxismo, sebbene siano molto diffusi, è meglio che non siano lasciati all’autodiagnosi: spesso infatti può accadere che il fenomeno consista in movimenti involontari provocati dal fastidio dovuto a denti non perfettamente combacianti.


Le diverse tipologie di bite

La visita dallo specialista è inoltre fortemente consigliata perché le tipologie di placche utilizzate sono diverse per ogni problema riscontrato:

Il bite ortodontico

  • il bite utilizzato per riposizionare la mandibola ha infatti funzione ortopedica;
  • quello per il russamento si compone di due mascherine che hanno lo scopo di rimuovere gli impedimenti tra laringe e naso;
  • quello per il bruxismo aiuta a non stringere e digrignare i denti rilassando il muscolo della mandibola.

I procedimenti messi in atto durante una visita dentistica propedeutica alla creazione di un bite prevedono la misura delle inclinazioni delle ossa mediante un arco facciale e la rilevazione delle impronte dei denti. Viene inoltre osservato se la bocca del paziente si chiude in modo corretto.

Il bite (o placca) viene in genere indossato prima di andare a dormire, in modo tale che agisca di notte. Si pulisce con sapone per i piatti e deve essere sempre asciugato per evitare che si depositi il calcare.


L’uso del bite nell’attività sportiva

Se è vero che ogni sport è diverso per quanto riguarda i muscoli che entrano in gioco, per la tipologia di contatto fisico, ecc., è altrettanto vero che dovendo sottoporre il corpo a sforzi di vario genere la postura è un elemento importantissimo per poter veicolare le energie nella giusta direzione.

Il bite ortodonticoLo sportivo che possiede una postura scorretta spende involontariamente energie e concentrazione per correggere continuamente questo difetto, togliendole allo scopo primario, ovvero la prestazione atletica.

Per incontrare le particolari esigenze degli sportivi nasce così la gnatologia sportiva, ovvero la branca della gnatologia finalizzata ad aiutare il rilassamento degli atleti dopo uno sforzo e ad impedire la nascita di alterazioni dell’apparato stomatognatologico a seguito dell’attività agonistica.


Questo apparato è molto rilevante nell’attività sportiva perché stringere i denti, come dice anche l’espressione figurata, è un’azione collegata alla concentrazione, allo sforzo, ai nervi tesi verso un obiettivo; proprio questo processo naturale conduce ad affaticare eccessivamente le articolazioni temporo-mandibolari.

A seguito di questo, nel caso in cui la mandibola subisca un urto, esso si può propagare alla testa causando microtraumi. Oltre a questo il corpo rilascia ormoni come il cortisolo che può compromettere la prestazione producendo stanchezza aggiuntiva.

L’uso del bite in questi casi permette che i denti si trovino in una condizione di maggior riposo fisiologico.

In questo modo la mandibola, in posizione rilassata, scorre leggermente in avanti e amplia le vie respiratorie permettendo così un maggiore flusso di ossigeno per i muscoli impegnati nello sforzo agonistico.

La prestazione dell’atleta migliora in modo naturale: l’energia risparmiata può essere utilizzata per la competizione sportiva, la coordinazione aumenta e diminuisce il rischio di infortuni.


Argomenti correlati che potrebbero interessarti

Ortodonzia e Gnatologia

Il rapporto tra denti e scheletro alla base di molte problematiche posturali

Ortodonzia e postura

Correlazione tra problemi posturali e dentali

Cattiva occlusione dentale e disturbi all’articolazione temporo-mandibolare

I due principali disordini dell'apparato stomatognatico correlati alla postura

Contatti

Odontoiatria.it
Via Triumplina, 183 Brescia
25100 Brescia (BS)
Tel. 030 512 57 94

Per informazioni
info@odontoiatria.it

Area riservata dentisti

Scopri come inserire il tuo Studio dentistico su Odontoiatria.it e ricevere nuovi pazienti nella tua zona, compila il nostro format online, un nostro incaricato vi ricontatterà per la creazione della pagina dentista sul sito

Vai all'area dentisti

Cerca nel sito

Usa il motore di ricerca per trovare un contenuto su Odontoiatria.it. Per esempio scrivi "otturazioni" o "zigomatici" o quasiasi parola tu voglia cercare, E' sufficiente inserire anche solo la parte iniziale della parola es: "otturaz"

Odontoiatria.it | info@Odontoiatria.it | Piva 03237640986